Tutte le notizie

Il nuovo strumento AR di Cleveron aiuta a installare robot in tutto il mondo

02.10.2020 | Cleveron

La comparsa della COVID-19 ci ha impedito di recarci presso i siti d’installazione delle nostre macchine e i nostri partner non potevano venire a Viljandi per la formazione. Il mondo era bloccato. Come soluzione, mettiamo tutti i nostri sforzi nella creazione di uno strumento di installazione AR, che combina in modo interattivo la macchina reale, documenti tecnici e istruzioni animate.  

Il nostro direttore tecnico Ott Pabut ha parlato dello strumento con Henrik Roonema di Geenius.ee, il portale di notizie tecnologiche numero 1 in Estonia. L'articolo originale (in estone) è disponibile qui.

Il coronavirus ha spinto Cleveron rapidamente verso la realtà aumentata

Quando il coronavirus ha eliminato la possibilità di viaggi internazionali, Cleveron ha dovuto affrontare un enorme problema: i suoi tecnici non potevano viaggiare per installare i robot per ritiro pacchi; i loro partner non potevano venire in Estonia per la formazione. La soluzione è arrivata sotto forma di realtà aumentata o AR. I primi robot sono già stati installati con l'aiuto dello strumento.

“Normalmente produciamo i robot e poi ci sono due opzioni. O li installiamo noi stessi o se ne occupa il nostro distributore", ha dichiarato Ott Pabut, direttore tecnico di Cleveron, a DigiPRO. "Quando sono iniziati questi disordini legati alla pandemia, la nostra rete di distributori non aveva il livello di esperienza che avremmo voluto".

Per Cleveron, sebbene il settore e-commerce in forte espansione avesse creato molto interesse per i robot per ritiro pacchi e generi alimentari, e c’era l’interesse di Cleveron alla vendita, gli accordi non sono stati sempre chiusi poiché i tecnici di Cleveron non potevano viaggiare dall'Estonia. Per acquisire le competenze e le certificazioni necessarie, tutti i distributori di Cleveron hanno dovuto prima frequentare un corso di formazione di una settimana in loco a Viljandi.  

"L'installazione è piuttosto complessa e la qualità dell'installazione influisce notevolmente sulla durata del prodotto e sull'intervallo di manutenzione", ha spiegato Pabut. Ecco perché è essenziale che i tecnici del distributore siano adeguatamente addestrati.

Come trasformare il fisico in virtuale?

In primavera, quando il virus si è diffuso, il robot per il ritiro di generi alimentari era ancora un nuovo prodotto in assortimento. Il problema principale era l’assenza di tempo sufficiente per formare i distributori. Quando si trattava di riunioni regolari, venivano trasferiti facilmente in ambienti virtuali e molte aziende estoni lo facevano. Ma Cleveron ha dovuto trovare un modo per rendere virtuali le installazioni fisiche.

La soluzione era l’AR e l'azienda dietro di essa, Scope AR. Poiché tutti i prodotti Cleveron vengono creati in 3D, hanno potuto utilizzare le proprie modalità 3D, aggiungere animazioni o, semplicemente, testo e frecce, indicare in quale ordine e da dove deve essere fissata una vite, o come montare il pannello laterale e spostare tutto questo alla realtà aumentata.  

Oggi, quando il robot di Cleveron raggiunge la sua destinazione in un altro paese e i tecnici impostano l'unità in posizione, per prima cosa impostano le indicazioni necessarie per il programma AR intorno alla posizione reale. Quindi prendono un iPad o indossano gli occhiali AR Microsoft HoloLens e il software Scope AR mostra una macchina Cleveron virtuale a grandezza naturale nella posizione reale.  

"È difficile da descrivere, dovete vederlo con i vostri occhi", ha detto Pabut. “Il software riproduce l'immagine in formato 1:1 con le dimensioni reali della macchina. Quindi il tecnico seleziona la prima fase di installazione, come ad esempio il pannello laterale. Per prima cosa, si visualizza l'animazione, dove dovrebbe andare. Così è possibile prendere il pannello e posizionarlo nel posto giusto. Non sono necessarie ulteriori comunicazioni scritte o orali."

Con questa soluzione è possibile installare il robot complesso anche senza averlo visto prima. Cleveron ha recentemente testato la soluzione AR nella sua fabbrica con il team, che non aveva una formazione tecnica, per vedere se riuscivano a eseguire l'installazione senza una formazione standard e approfondita. Il team ha avuto successo.

Giusto per essere sicuri, l’istruttore di Clevoron supervisiona l'intero processo tramite videochiamata. Il suo compito è supportare l'installazione e i tecnici possono rivolgersi a lui per chiedere consiglio.

Pabut ha citato un'altra qualità positiva che l'AR ha: previene la confusione terminologica. Le installazioni sono normalmente in inglese, ma né i tecnici di Cleveron né quelli del distributore sono madrelingua. Ciò significa che i termini usati dal personale di Cleveron potrebbero non essere comprensibili per il team del distributore.

"Ad esempio, nel dire ‘prendere il bullone di fissaggio’, ad una persona che non sa cosa significa il termine può creare confusione", ha spiegato Pabut. "Ora possiamo assicurarci che i partner eseguano i passaggi nel giusto ordine, uno per uno, e che i problemi di terminologia e lingua vengano risolti quasi immediatamente".

Due giorni di confusione

Cleveron ha realizzato la prima installazione AR in piena estate a Dubai. Un tecnico di Cleveron è volato nella sede d'installazione come supporto, ma in realtà l'installazione è stata eseguita con l'aiuto dell’AR. Pabut ha anche parlato di una situazione negli Stati Uniti, in cui uno dei robot aveva un problema tecnico, ma i tecnici di Cleveron non sono riusciti a spiegare al partner come risolverlo, con l'aiuto di immagini e testo. “Quindi abbiamo optato per l’AR e il problema è stato risolto in un'ora. Ma prima di ciò abbiamo avuto un bel disordine per un paio di giorni", ha aggiunto Pabut.

La prima installazione AR senza un tecnico Cleveron in loco dovrebbe avvenire a settembre o ottobre in Nuova Zelanda o Australia. L'esperienza finora è stata così positiva che l'azienda intende continuare. Secondo Pabut, la metà di tutte le installazioni potrebbe essere eseguita utilizzando l’AR.

Non c’è davvero bisogno dell’HoloLens

La tecnologia della realtà aumentata è ancora nelle fasi iniziali e, ad esempio, HoloLens è piuttosto costoso. L'esperienza di Cleveron mostra che l'installazione di solito coinvolge più persone, quindi il responsabile del progetto può prendere l'iPad, camminare intorno alla macchina e guidare tutti. Un'altra opzione sarebbe quella di posizionare l'iPad su un supporto, per poter controllare le operazioni successive.

Il vantaggio con HoloLens è che la persona ha sempre l'immagine davanti a sé e le mani sono libere. Pabut ritiene che questo risulti un vantaggio più nelle attività di manutenzione della macchina, poiché ha più senso inviare un tecnico in loco, non un intero team.  

Ci sono due costi principali quando si utilizza l’AR: la licenza del software e l'aggiunta delle indicazioni ai disegni 3D già esistenti. Le istruzioni per armadietti più semplici possono essere eseguite in un mese, la creazione di uno strumento per robot più complessi, come quelli per il ritiro di generi alimentari, può richiedere due o tre mesi. Pabut sostiene che questo richiede davvero molto tempo, ma il lato positivo è che una volta che il materiale è finito, quando sono necessarie modifiche al design della macchina, la loro implementazione è veloce ed economica.

“Non appena ci siamo resi conto della portata della crisi sanitaria e delle conseguenze sugli spostamenti, abbiamo deciso di fare questo investimento. Finora, non c'è stato motivo di pentirsene ", ha concluso Pabut.

Contattaci

Contattaci per ricevere ulteriori informazioni riguardanti il ROI o i software, per richiedere supporto tecnico, un periodo di prova o per qualsiasi altro chiarimento.
  • Al dettaglio
  • Logistica/Corrispondenza
  • Immobiliare
  • Distributore
  • Agente
  • Altro

Per ulteriori informazioni chiamaci o inviaci un’email

Reio Orasmäe
Responsabile partnership commerciale

E-mail: [email protected]
Telefono: (+372) 609 1671