Tutte le notizie

Come ho installato un robot per il ritiro di generi alimentari utilizzando la realtà aumentata / l'angolo del Cleveroonik

16.09.2020 | Cleveron

Autrice: Marge Taivere Responsabile regionale presso Cleveron, America del Sud

Cleveron era alle prese con la nostra prima installazione internazionale di un robot per il ritiro di generi alimentari quando i divieti di viaggio ci hanno colpito a marzo. Il team di installazione e formazione si è subito reso conto che il personale di Cleveron non sarebbe stato in grado di viaggiare liberamente come prima. Ciò ha rappresentato una nuova sfida: come si installa un robot se non è possibile addestrare il team nella nostra sede a Viljandi o recarsi in loco? Quindi abbiamo trovato una soluzione: formazione sulla realtà aumentata per le installazioni. La soluzione è stata creata in pochi mesi e doveva essere testata prima di chiedere ai nostri partner di installare macchine soltanto con il nostro supporto virtuale.

Il nostro obiettivo era creare istruzioni tecniche che fossero chiare e comprensibili a chiunque, indipendentemente dal fatto che avesse competenze tecniche o familiarità con la nostra tecnologia. Per verificarne la fattibilità, abbiamo riunito un team speciale: donne dei settori marketing, vendite, IT e ricerca e sviluppo. La maggior parte non aveva alcuna reale esperienza precedente nella configurazione di un robot per ritiro pacchi. Ho avuto il grande piacere di fare parte del team.

Abbiamo iniziato leggendo i documenti tecnici sul robot per il ritiro di generi alimentari, e la sua installazione e calibrazione. Successivamente, abbiamo anche dovuto superare un test di idoneità sul portale di formazione online di Cleveron. All'inizio la quantità di documenti e dati tecnici era piuttosto scoraggiante, ma ad ogni informazione la complicata macchina diventava sempre più familiare.

Quando sono arrivata all'area di formazione, le ragazze già stavano familiarizzando con gli occhiali per realtà aumentata e l'iPad che mostravano la macchina dentro e fuori. Le nostre (numerosissime) domande non hanno scoraggiato l’istruttore. Ci ha detto piuttosto di allacciare i nostri caschi e di ricominciare dall'inizio.

Il primo giorno, noi quattro siamo andate in giro con il sollevatore a forbice e abbiamo montato diverse parti metalliche all'esterno della macchina. Sembrava un montaggio di un enorme guardaroba IKEA. Molte viti e rondelle dovevano trovare la loro collocazione. Per me, la parte più emozionante è stato l’impianto di messa a terra della macchina. È stato eseguito correttamente? Abbiamo dovuto aspettare fino al giorno successivo.

Sapevamo che il secondo giorno sarebbe stato molto più difficile, in quanto la parte di calibrazione in qualsiasi dispositivo robotico può essere impegnativa. Abbiamo acceso l'interruttore elettrico generale e avviato il controllo del segnale di tutte le parti in movimento, motori, cicalini, ecc. Ha funzionato tutto, anche le luci che avevamo messo a terra il giorno prima! Il secondo giorno è stato dedicato alla realtà aumentata e alla calibrazione. In poche parole, la calibrazione prevede che una persona entri ed esca dalla macchina e sollevi le casse nelle posizioni corrette. Un'altra persona è all'esterno e segue i passaggi AR sull'interfaccia. Non direi di aver compreso completamente, poiché questo richiederebbe sicuramente più tempo, ma la logica generale si acquisisce con un po' di pratica.

Tutte noi abbiamo imparato molto durante questi due giorni. Alcune non avevano mai usato un sollevatore a forbice né un trapano elettrico prima. Nessuna di noi aveva mai usato l'AR e siamo rimaste tutte molto colpite dalla tecnologia stessa. La bellezza che il nostro team di ingegneri aveva creato sta nella semplicità e abbiamo potuto sperimentarla in prima persona. Anche il nostro team di formazione ha ricevuto molti feedback utili e li utilizzerà per migliorare il programma di formazione per istruire le installazioni in tutto il mondo.

Non fraintendetemi; durante l'installazione, abbiamo ricevuto molto aiuto dal nostro istruttore che è stato estremamente paziente. Non è una macchina semplice da installare, ma di sicuro non è impossibile. Avevamo bisogno di una soluzione per le nostre installazioni nei periodi in cui non siamo in grado di viaggiare negli Stati Uniti, in Australia e in molti altri paesi che a loro volta attuano blocchi; anche per i momenti in cui i nostri partner non possono venire a Viljandi per la formazione. Questo speciale progetto di installazione mirava a dimostrare che i nostri documenti tecnici e le soluzioni AR sono chiare, comprensibili e facili da usare per i nostri partner in queste circostanze, grazie al supporto a distanza dei nostri tecnici. E questo obiettivo è stato sicuramente raggiunto.

*Un Cleveroonik è un dipendente di Cleveron.

Contattaci

Contattaci per ricevere ulteriori informazioni riguardanti il ROI o i software, per richiedere supporto tecnico, un periodo di prova o per qualsiasi altro chiarimento.
  • Al dettaglio
  • Logistica/Corrispondenza
  • Immobiliare
  • Distributore
  • Agente
  • Altro

Per ulteriori informazioni chiamaci o inviaci un’email

Reio Orasmäe
Responsabile partnership commerciale

E-mail: [email protected]
Telefono: (+372) 609 1671